Igiene

Come scegliere la crema solare migliore per i bambini

crema solare migliore per i bambini

non la crema solare dei grandi

Sul mercato, si sa, esistono miriadi di creme solari. Quando le scegliamo per noi adulti, badiamo spesso alla marca che preferiamo o siamo spinti dalla pubblicità a scegliere quella più in voga. Ma per i bambini non è la stessa cosa, non possiamo optare per la stessa crema degli adulti. Come fare allora per scegliere la crema più adatta per un bambino? Vediamo insieme quali sono i criteri da tenere in considerazione per scegliere la crema solare più adatta a un bambino.

 

PREMESSE

Prima di tutto è importante ricordare quali sono gli accorgimenti da adottare per esporre i bambini ai raggi solari. In secondo luogo segnaliamo che tutti i pediatri consigliano di evitare l’esposizione solare diretta fino al primo anno di età. Il motivo è che i pigmenti della pelle sono ancora “acerbi” e si potrebbe incorrere in rischi peggiori con l’avanzare dell’età.

 

FILTRI FISICI O FILTRI CHIMICI?

Chiariamo questo concetto. Nelle creme solari esistono due tipi di filtri solari che hanno la funzione di proteggere la pelle dai raggi solari: fisici e chimici. I primi sono di origine naturale e i secondi di produzione sintetica. Nei filtri fisici, solitamente ossido di zinco o argilla, le molecole protettive respingono i raggi solari per riflessione ma non possono garantire un’abbronzatura omogenea e una protezione elevata senza lasciare una patina bianca fastidiosa e difficile da assorbire sulla pelle. Nei filtri chimici, le molecole protettive lavorano per assorbimento dei raggi solari ma si corre il rischio che le particelle più piccole si distruggano o vengano assorbite dalla pelle. Il giusto compromesso è un misto tra i due. È meglio scegliere delle creme che contengano sia filtri chimici stabili (quelli di nuova generazione) che non vengono assorbiti dalla pelle ma garantiscano una protezione elevata, e filtri fisici per una schermatura naturale.

 

PROTEZIONE DAI RAGGI UVA UVB

I principali raggi solari UV, cioè ultravioletti, invisibili all’occhio umano si dividono in due tipi per lunghezza della frequenza d’onda. I raggi UVA sono quelli con frequenza più alta e che penetrano più in profondità nell’epidermide, sono causa dell’invecchiamento precoce e della formazione di tumori della pelle. I raggi UVB hanno frequenza minore e raggiungono solo gli strati più superficiali della pelle, quest’ultimi sono quelli che contribuiscono all’abbronzatura ma anche agli arrossamenti e alle scottature della pelle.

È quindi importante che una buona crema solare adatta ai bambini abbia filtri che schermino totalmente sia contro i raggi solari UVA e UVB.

 

PROTEZIONE ALTA

Noi adulti, soprattutto chi tende ad abbronzarsi più velocemente, possiamo scegliere creme solari a protezione media o bassa: 30 spf, 20 spf o anche meno. Per i bambini non è così. La loro pelle non è ancora abbastanza matura per proteggersi dal sole. Per questo motivo, almeno fino ai 3 o 4 anni, è caldamente consigliato scegliere protezioni solari con alto fattore protettivo: 50 spf o 50+ spf per avere la certezza di una protezione totale.

 

Related Posts

Lascia un commento