Nascita

Secondo Figlio: Come Comportarsi Con i Fratelli – I Consigli della Psicologa

secondo figlio

L’arrivo di un secondo figlio genera inevitabilmente una serie di cambiamenti all’interno del precedente equilibrio familiare, sia pratici sia psicologici e relazionali.

Potremmo dire che la “sinfonia” trovata fino a quel momento, necessita di nuovi accordi tra gli “strumenti” già presenti e in sintonia  e il nuovo “strumento” che arriverà e imporrà a tutti nuovi accordi per comporre e inaugurare una diversa musica grazie al secondo figlio.

LA FAMIGLIA CRESCE, ricerca di un nuovo equilibrio col secondo figlio!

Non c’è dunque da preoccuparsi di tale rivoluzione, perché è comunque una evoluzione: la famiglia cresce! Inoltre, appena il nuovo nato entra in casa, oltre a tanta gioia e amore, possono circolare nervosismo, aggressività e stanchezza. Piano piano tutto si potrà riequilibrare.

Finché il fratellino stava ben “chiuso” dentro la pancia della mamma, tutto scorreva con curiosità e felicità, tuttavia la presenza fisica del neonato si fa ben presto sentire tra pianti, cambi di pannolini, allattamento, etc…Ecco che, d’improvviso,  mamma e papà sono dis-tratti dal “grande urlatore”. Un piccolo rompiscatole, che fa tenerezza ma anche rabbia e paura. Quale paura soprattutto? Quella di perdere l’amore di mamma e papà, il posto unico avuto fin a quel momento. E’ normale dunque vedere comparire capricci, dispetti, regressioni. Si tratta spesso di  normali richieste ed esigenze di conferme affettive di cui i bambini si nutrono.

E’ utile ricordare che normalmente  ciò che insinua nel rapporto tra i fratelli è una particolare ambivalenza, proprio perché amore e odio, amicizia e rivalità, gelosia, invidia e alleanza, vanno a braccetto. Si odiano e si amano contemporaneamente! Il “rivale”, cioè chi è arrivato ad usurpare il posto unico, è un intruso e ancora sconosciuto. Solo piano piano  il primogenito conoscerà e potrà accettare e anche amare il nuovo arrivato. E’ dunque la necessità di dover con-dividere, l’affetto, l’attenzione di mamma e papà, ma anche i giochi, i regali e la casa, ad arredare il rapporto tra i fratelli di tanti vissuti che vanno dalla tenerezza al conflitto.

Tuttavia non va dimenticato che contrasti e litigi, che potranno comparire, non sono necessariamente negativi e da evitare perché, durante lo sviluppo, rappresentano anche un’occasione preziosa di crescita e di confronto che può aiutare i bambini ad affrontare le relazioni con gli altri e a rafforzare il proprio carattere.

La diversità tra fratelli : un valore

Chiaro che molto dipende dagli adulti, cioè dalla disponibilità di madre e padre ad ascoltare, e a mantenere una posizione neutra, cioè non giudicante ed estranea a interessi di parte, valutando i vari momenti conflittuali con obiettività. Educare al rispetto e all’importanza della diversità come un valore, permette ai fratelli di vedersi riconosciuti come persone differenti, cioè uniche, non uguali uno all’altro, e amati proprio perché diversi. Paragoni, confronti possono innescare rivalità e rivendicazioni. Inoltre insistere perché il più grande si comporti “da grande”, magari cedendo e accettando di subire…può innescare liti e rancori. Chiaro che tali osservazioni non possono non tenere conto della diversa età dei figli!

 

Leggi anche: La nascita: come sarà il primo incontro con mamma e papà

 

“ Come farò a dividermi?”

A volte la preoccupazione di mamma e papà riguarda un interrogativo: “ Come farò a dividermi?” E’ bene precisare che l’amore non può essere diviso, così come è impossibile che, ad esempio, una mamma possa dividersi in due/tre… Nel cuore di un genitore c’è posto per tutti, a patto che ognuno abbia il SUO posto, unico e non sostituibile. In una famiglia è proprio la democrazia ad assegnare ad ognuno il suo posto unico e speciale alla tavola del convivio  e del cuore familiare.

L’arrivo di un altro figlio impegna perciò mamma e papà a fare del rispetto e dell’accoglienza della diversità, i presupposti necessari alla crescita della famiglia e all’accordo di tutti gli “strumenti”, perché possa nascere quella particolare sinfonia che specifica e differenzia una famiglia dalle altre. Un grande pediatra, Marcello Bernardi, evidenziava che i fratelli, in una famiglia, sono “come un simbolo, una bandiera”.

Dr.ssa Pamela Pace,

psicoanalista, psicoterapeuta, presidente

associazione pollicino

Ti potrebbe interessare
    emily lamaze
    Close

    Lamaze – La mia amica Emily

    16,25
    Aggiungi al carrello
    Close

    Set di Carni – Plan Toys

    23,49
    Aggiungi al carrello
    Close

    Borsa Halloween Verde 16×16 cm – Atosa

    1,99
    Aggiungi al carrello

    10 e Lode Primo Dizionario – Lisciani

    11,99
    Leggi tutto

    Related Posts

    Lascia un commento